Büroskop

NZZ-Kolumne: Büorskop |Quando il CEO tiene un discorso alla Churchill, i collaboratori dovrebbero ascoltare con attenzione

L'amministratore delegato cerca di infondere coraggio nei suoi collaboratori. Ma Graber comincia ad avvertire un certo disagio e timore.

«Non lasciatevi mai sfuggire una buona crisi, gentili signore e signori», inizia il CEO il suo videomessaggio. «O come disse una volta Winston Churchill: ‹Never let a good crisis go to waste› (non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata)», continua rivolgendosi ai suoi collaboratori virtualmente presenti. «Anche noi un giorno ripenseremo con forze ed energie rinnovate a questa crisi pandemica.» Il dinamico dirigente era in forma smagliante, dovette ammettere senza invidia Graber, che seguiva l'evento in modalità home office. All'improvviso apparve un breve messaggio del suo collega di lavoro Brechbühler. «Graber, capisce cosa vuole dirci LUI???». Graber è lieto della distrazione: «La crisi ci sta mettendo duramente alla prova, bisogna darsi un po' di contegno e stringere la cinghia!», comincia Graber a tradurre il discorso del CEO.


Il CEO prosegue il suo monologo: «Negli ultimi mesi abbiamo affinato la nostra strategia e ricalibrato il nostro portafoglio di marchi. La nostra strategia di up-selling sistematica e coerente come pure l'immissione sul mercato di prodotti premium stanno dando i loro frutti. Tutti i nostri sforzi sono rivolti ad offrire ai nostri clienti un'esperienza impareggiabile.» «E questo cosa significa?», arriva senza indugio il messaggio di Brechbühler.


La risposta di Graber segue immediatamente: «Abbiamo dato una veloce rinfrescata ai nostri marchi polverosi, proposto rimanenze di magazzino e adesso vendiamo i prodotti semplicemente al doppio del prezzo.» «E cosa intende dire adesso il CEO con ‹potenziamento senza compromessi del nostro progetto multicanale innovativo per migliorare la gestione delle esperienze dei clienti›?», segue a ruota la domanda successiva. «Abbiamo notato che i nostri clienti preferiscono acquistare online. Ecco perché tutte le risorse stanno ora confluendo nel nostro canale di vendita digitale. Promoviamo questa modalità offrendo prodotti a basso costo.» Brechbühler non si arrende: «Ma come facciamo a guadagnare?» «Questo non lo sappiamo neppure noi», ribatte Graber. 


Adesso il grande capo tiene una lezione sulle opportunità irripetibili offerte dalla diversificazione geografica e dall'arbitraggio del costo del lavoro. «Oh, no», dice tra sé e sé Graber e segue con crescente apprensione la trasmissione in diretta. Il CEO ha appena affermato: «Sangue, sudore e lacrime ci accompagneranno nei prossimi mesi.» Non c'è che dire, è davvero un grande ammiratore di Churchill. «Il nostro capo intende verosimilmente licenziamenti, turni straordinari non pagati e tagli salariali, giusto, Graber?», arriva il messaggio di Brechbühler. «Giusto», risponde Graber. «Lei impara velocemente. E se viene di nuovo contattato dal suo cacciatore di teste, non perda tempo prezoso e accetti la sua offerta», consiglia al suo giovane collega.

zuhören

Contributo di: Copyright NZZ | tutti i diritti riservati.