Büroskop

NZZ-Kolumne: Büorskop |Un modo di utilizzare il tempo a disposizione

Un modo di utilizzare il tempo a disposizione

Graber si sentiva piuttosto a disagio. Molti dei compiti della sua unità Customer Service erano stati assunti dal Customer Welcome Self-Service Center, senza che a lui e al suo piccolo team fossero stati affidati nuovi compiti. Aveva la sensazione che nel processo di ristrutturazione fossero stati dimenticati. Nel giro di poche ore lui, il suo assistente e l’apprendista a lui assegnato avevano terminato il lavoro d'ufficio giornaliero. Il nuovo punto di contatto digitale riusciva a gestire senza difficoltà le rimanenti attività. Graber era molto preoccupato. Sicuramente lui e il suo team sarebbero stati colpiti dalla successiva ondata di licenziamenti, non appena il management si fosse accorto dell’esistenza di risorse improduttive.

«Calma, Graber», si diceva cercando di farsi coraggio. Per fortuna poteva intervenire nella chat di gruppo come responsabile di team. Ogni giorno scriveva commenti molto apprezzati, come: «Care colleghe e cari colleghi - Queste le mie personali valutazioni sul progetto 21: dalla prospettiva del cliente, occorre assolutamente tenere conto degli insegnamenti chiave della nostra recente funzionalità. In questo ambito è necessario un intervento deciso, che occorre esaminare in vista del prossimo Sprint Review». Anche nel corso delle settimanali riunioni online dei quadri si faceva spesso notare valutando dettagliatamente aspetti fondamentali. «La questione essenziale è: come possiamo offrire ulteriore valore aggiunto ai nostri clienti in qualità di principale market mover?»

Per mostrare la sua capacità di lavorare in team, Graber offrì la sua disponibilità a fornire assistenza e aiuto concreto ai business owner del progetto. «D’altra parte, progredire in questo ambito rappresenta un obiettivo fondamentale per la nostra azienda.» Ciò non lo rese molto popolare tra i suoi colleghi. 

Allo stesso tempo, Graber inviava ogni giorno numerose e-mail dal suo home office. Riteneva che il software «Orwell Analytics», installato dal dipartimento del personale, non avesse unicamente lo scopo di migliorare il benessere dei collaboratori e ottimizzare i processi.

Improvvisamente il telefono di Graber squillò. Era il suo capo. Graber impallidì. «È finita», pensò. Invece il suo responsabile di linea era particolarmente cordiale e di buon umore. Voleva ringraziarlo per il suo grande impegno e offrirgli la direzione del team Customer Care Solutions appena istituito. Graber ebbe bisogno di qualche minuto per realizzare che era stato appena promosso.
 

Büroskop

Contributo di: Copyright NZZ | tutti i diritti riservati.