Wild & Küpfer nel viaggio per gli imprenditori di Credit Suisse AG: preziose intuizioni su nuovi mercati

La chiave del successo economico all’estero è costituita da una buona preparazione e una precisa conoscenza del mercato. Il viaggio per imprenditori di Credit Suisse AG consente di ampliare la propria rete di contatti sul posto e di acquisire informazioni sull’attuale situazione economica e le opportunità d’affari, le condizioni sociali e il contesto sociale e culturale. 

Quest'anno Tobias Wild, CEO e Daniel Wild, CTO di Wild & Küpfer AG, in qualità di vincitori del Prix Ostschweiz 2022, hanno preso parte al viaggio per imprenditori e condivide con noi le sue impressioni.

Impressionen CS Unternehmerreise 2022

Impressioni viaggio per gli imprenditori di Credit Suisse AG 2022, Daniel Wild, CTO

Quali sono le sue impressioni personali?
Il Laos è un Paese ricco di natura incontaminata e paesaggi collinari nella parte settentrionale. Il Vietnam, invece, è già molto industrializzato e urbanizzato. Gli abitanti di entrambi i Paesi sono cordiali e parzialmente occidentalizzati.
Per quanto riguarda l'innovazione, può fare un confronto tra Asia ed Europa?
Durante il nostro viaggio abbiamo riscontrato grandi differenze tra le diverse aziende. Alcune imprese sono sostanzialmente comparabili con l'Europa o, in alcuni casi, sono persino più avanzate. Tuttavia, abbiamo anche conosciuto imprese in cui la produzione è ancora al 100% artigianale. Inoltre, la differenza tra Laos e Vietnam è notevole. Sul piano industriale e politico, il Vietnam è molto più avanzato rispetto al Laos.
Quali sono state le conversazioni più stimolanti e con chi?
Le migliori conversazioni sono state quelle con gli imprenditori che hanno viaggiato insieme a noi, che sono state estremamente stimolanti, come le numerose visite aziendali.
Cosa l'ha colpita in particolare?
Abbiamo visitato la società «JA Solar» in Vietnam, che ci ha davvero sorpresi. L'intera produzione di waver per l'industria solare è completamente automatizzata ed estremamente avanzata anche rispetto all'Europa.
Che cosa ha rappresentato questo viaggio per il suo futuro e per il futuro della sua azienda?
La principale conclusione è che in Svizzera non possiamo assolutamente rimanere fermi e non dobbiamo riposare sugli allori dei passati successi. I fornitori asiatici procedono a grandi passi e, se ci fermiamo, ci travolgeranno. Di solito le innovazioni e gli sviluppi provengono dall'Europa e in Vietnam viene realizzata la produzione di massa a valle ad alta intensità di manodopera.
Secondo lei, in Asia sta nascendo il mondo di domani?
In ogni caso, il potenziale in Asia è enorme e anche la disponibilità di risorse umane è quasi illimitata. Per questo motivo dobbiamo progredire e specializzarci moltissimo. Senza dubbio l'Asia ha già superato l'Europa in alcuni settori, ma abbiamo ancora buone opportunità per il futuro grazie alla specializzazione e all'innovazione.
Da cosa o da chi ha tratto ispirazione?
La società Sonova è quella più simile a noi. Ha 1000 dipendenti in Vietnam e produce apparecchi acustici per tutto il mondo. Tuttavia, le fasi della ricerca, dello sviluppo e della realizzazione fino alla produzione in serie provengono dalla Svizzera.
Che cosa ha trovato particolarmente interessante?
Le visite alle città del Laos e del Vietnam sono state molto emozionanti e interessanti. Mi hanno colpito anche la prigione e il museo di guerra in Vietnam (Hanoi).
Potrebbe condividere le sue impressioni su questi argomenti: cultura d'impresa rivoluzionaria/impresa familiare? Start-up? Ricerca?
In realtà no. In questi Paesi sono quasi assenti le culture d'impresa rivoluzionarie. Ed è anche la ragione per cui gli sviluppi non si consolidano necessariamente in questi luoghi. La persone vogliono lavorare per sfamare le loro famiglie.
Quali sono stati per lei i momenti salienti del viaggio?
Le diverse visite aziendali, comprese le visite guidate all'interno degli stabilimenti.
Benessere e povertà così vicine tra loro: quali sono le sue impressioni?
Abbiamo girato entrambi i Paesi, Laos e Vietnam. Soprattutto il Laos è ancora scarsamente sviluppato e la popolazione è povera. Nelle città del Vietnam si percepisce già il crescente benessere, ma anche lì la differenza tra ricchi e poveri è chiaramente visibile.
Viaggiare in compagnia degli imprenditori significa lasciarsi ispirare e condividere idee. Come è stato lo scambio con gli altri partecipanti durante il viaggio?
Il gruppo era molto interessante, composto da settori del tutto diversi, e abbiamo potuto avere un confronto personale con tutti sulle singole attività e sulle relative sfide. È stato molto stimolante e spesso ha confermato la nostra visione, ma abbiamo anche affrontato nuovi input.